Close

Blog Categories

Latest Posts

Business plan esempio pratico, le 10 ragioni per utilizzarlo
LE 10 RAGIONI PER CUI È PIÙ FACILE FARE UN BUSINESS PLAN PARTENDO DA UN ESEMPIO PRATICO GIÀ FATTO In questo articolo...
on dic 29, 2018 | by System Administrator
Business plan palestra: gli errori da non fare mai
Business plan palestra: come farlo bene ed ottenere subito un finanziamento
on nov 16, 2018 | by Stefano Ventura
Davvero è meglio lavorare su un modello di business plan già fatto?
Un modello di business plan già fatto è l'opzione migliore per iniziare? Quello che sappiamo per certo è che non si...
on set 29, 2018 | by Jessica

Business plan esempio pratico, le 10 ragioni per utilizzarlo

Posted on: dic 29, 2018 | Author: System Administrator | Categories: Business plan

LE 10 RAGIONI PER CUI È PIÙ FACILE FARE UN BUSINESS PLAN PARTENDO DA UN ESEMPIO PRATICO GIÀ FATTO

In questo articolo ti spieghiamo perchè è più facile trasformare la tua idea commerciale in un business plan vincente partendo da modelli già fatti (bene) e precaricati su un software.

Business plan esempio pratico, le 10 ragioni per utilizzarlo

BUSINESS PLAN ESEMPIO PRATICO: LE 10 RAGIONI PER UTILIZZARLO

Realizzare un business plan da soli è una cosa molto difficile e per pochi, con ottime conoscenze tecniche in materia di contabilità e bilancio ma anche di marketing e gestione di impresa. Esistono però alcuni strumenti (pochi per la verità), che uniscono la potenza del software alle conoscenze di professionisti del campo della consulenza aziendale e che ti permettono di trasformare, da solo, la tua idea di impresa in un business plan vincente, (quasi) gratis e in poco tempo! Ma non è tutto, leggi le 10 ragioni per impostare il tuo lavoro partendo da un esempio pratico di business plan e vedrai che, alla fine dell’articolo dicci se non avevamo ragione!

MODIFICARE È PIÙ FACILE CHE CREARE

esempio pratico di business plan

Ti facciamo un esempio semplice: se ti chiedo la definizione di PAROLE ONOMATOPEICHE, magari sai di cosa si tratta, ma scriverla di getto su un foglio bianco potrebbe risultare molto difficile. Sapresti scrivere la definizione senza leggere le righe che seguono? La definizione è questa: sono le parole che con il loro suono richiamano il concetto o l'azione che si intende comunicare. Saresti stato in grado? O sarebbe più semplice, partendo dalla definizione che ti ho dato, dare una nuova definizione con parole tue, come, ad esempio: Parole il cui suono rende l’idea dell’azione o del concetto che vogliono esprimere. La definizione è leggermente diversa e non sembra copiata e hai potuto esprimerla come meglio la senti anche se probabilmente partendo da zero non saresti stato in grado ma ora ti sembra la cosa più semplice del mondo.

L’ESEMPIO PRATICO DI BUSINESS PLAN È PRECARICATO SUL SOFTWARE

Questo fa la differenza! In rete si trovano infiniti business plan in pdf per ogni tipo di attività ma, una volta scaricati, cosa te ne fai? Si tratta di lavori realizzati da persone sconosciute, per imprese qualunque, calate in realtà probabilmente differenti dalla tua e puoi utilizzarli al massimo come guida per sapere quali punti sviluppare. E con i bilanci, il rendiconto finanziario, il fatturato e il punto di pareggio come la mettiamo? Una volta modificati prezzi, quantità, investimenti e costi di produzione come farai a rifare tutti i calcoli?

Un caso pratico caricato sul software

Con un esempio di business plan già fatto e precaricato su un software potrai modificare ogni dato e aggiornare l’intero lavoro (budget e documento) con un solo click.

BUSINESS PLAN ESEMPIO RISTORANTE

Le richieste maggiori le abbiamo proprio nel campo della ristorazione. Si tratta infatti di uno dei settori con il maggior numero di nuove aperture e, aimè, di chiusure. Il motivo principale per il quale molti sono costretti a chiudere è la mancanza di soldi per andare avanti, altre volte la mancanza di clienti e ciò deriva dal non aver realizzato un buon piano aziendale, prima ancora di aver intrapreso i primi investimenti, nel quale calcolare l’esatto fabbisogno finanziario e mettere a punto la strategia di marketing per individuare con precisione il mercato target e i giusti piatti da offrire al cliente nel giusto ambiente. Ora partendo dall’esempio di business plan per un ristorante potrete calcolare il fabbisogno finanziario ed evitare di mettere in piedi un progetto insostenibile e sviluppare un buon piano marketing sulla traccia di quello già proposto.

MODELLO IN EXCEL

Alcuni lo snobbano preferendo programmi in linguaggio sconosciuto ma la verità è che non esiste al mondo un software più potente e al tempo stesso conosciuto, intuitivo e semplice da utilizzare di excel. È per questo che è sempre preferibile la semplicità e integrabilità di un business plan in excel rispetto ad altri programmi che non possono essere modificati e nei quali nemmeno possiamo verificare i calcoli effettuati. Inoltre con excel abbiamo sempre la possibilità di importare ed esportare dati da e verso tabelle esterne che ci saranno comodissime per analizzare i dati ottenuti o preparare quelli da inserire nel nostro piano aziendale. Quindi sempre meglio partire da un modello in excel rispetto a qualunque altro formato disponibile.

ESEMPIO DI BUSINESS PLAN PER UNA PALESTRA

business plan esempio pratico palestra

Se pensate che in ogni comune, anche piccolo, ci sono almeno due o tre palestre, provate a immaginare quante ce ne sono in tutt’Italia e immaginate quante sono state aperte o acquistate senza prima effettuare calcoli, ricerche e strategie buttando migliaia e migliaia di euro quando con un po’ di tempo ed un centinaio di euro si poteva evitare tutto ciò. Nel business plan palestra esempio che trovate già fatto e precaricato sul software, trovate tutti i principali servizi già inseriti come il corso di aerobica, di crossfit, pilates o semplicemente l’abbonamento mensile alla sala pesi ed i relativi prezzi. Sarà sufficiente variare i prezzi preimpostati e tutto il budget economico e finanziario sarà immediatamente ricalcolato sulla base dei nuovi valori.

IL MODO PIÙ VELOCE PER OTTENERE UN FINANZIAMENTO

Ogni volta che chiederete un prestito o un finanziamento per la vostra impresa, la banca vi chiederà un business plan. Se andate dal commercialista o dal vostro consulente, se è capace, vi chiederà più di mille euro e ci metterà un sacco di tempo e alla fine inserirà i dati che gli direte voi. Se l’unico motivo per cui dovete realizzare il documento programmatico è richiedere ed ottenere il finanziamento, allora vi sarà sufficiente prendere il business plan caso pratico per la vostra attività, cambiare la ragione sociale ed alcune informazioni nella parte descrittiva e avrete già a disposizione un documento di business plan in pdf, in equilibrio finanziario e congruo per rispettare tutti i parametri che interessano alla banca per concedervi il prestito e che dovrete solo inviare via mail.

BUSINESS PLAN ESEMPIO BAR

Tornando ai casi specifici, il vantaggio di un business plan esempio pratico caricato su un software, lo possiamo vedere al volo in occasione dell’apertura di un bar. I prodotti venduti sono più o meno sempre gli stessi, così come il costo di produzione dei panini, dei croissant, del caffè e delle spremute. Quello che spesso cambia sono invece gli investimenti per la realizzazione del bancone e degli arredi del bar. Dal più economico al più costoso possono esserci differenze davvero notevoli. Partendo dal business plan esempio bar possiamo semplicemente cambiare il prezzo di acquisto del bancone e degli arredi e andare a vedere come è aumentato o diminuito il fabbisogno finanziario e cambiare l’importo del mutuo da chiedere alla banca e il software calcolerà la nuova rata mensile. Poi verificheremo che il budget sia in equilibrio economico e finanziario e, eventualmente, varieremo i prezzi di vendita per correggere eventuali anomalie. Semplice no? Avete idea di quanto vi sarebbe costato creare tutto da zero?

IL CALCOLO DEI VOLUMI DI PRODUZIONE

Una parte fondamentale nella programmazione della vostra azienda è quella del calcolo dei volumi di produzione dei beni o servizi. Molto spesso vengono indicati a caso, oppure vengono indicati dei volumi che siano sufficienti a garantire il pareggio di bilancio oppure un piccolo utile. In realtà il procedimento deve essere esattamente l’inverso. Dobbiamo cioè calcolare i volumi di produzione di beni e servizi rapportandoci alle nostre capacità produttive sia che si parli di beni che di servizi. Dovremo calcolare ad esempio la capacità produttiva dei nostri macchinari, i tempi di produzione, il tempo necessario ad eseguire un determinato servizio ed il numero di persone in grado di realizzarlo. Una volta determinate le nostre capacità produttive dovremo poi studiare il mercato e la domanda e cercare di capire le quantità di beni e servizi prodotti che sarà capace di assorbire a determinati prezzi di vendita. Sarà a questo punto che moltiplicheremo le quantità che abbiamo programmato di vendere per i prezzi di vendita e che potremo calcolare il nostro fatturato e, detratti ii costi fissi e quelli variabili, calcolare l’utile. Effettuare questi studi e questi calcoli non è semplice e richiede molto tempo. Inoltre è molto difficile anche impostare i calcoli nella maniera corretta e sarebbe anche utile, una volta impostati, poterli facilmente modificare ed ottenere subito il risultato finale. Questo per poter fare più simulazioni e capire a quali livelli di prezzo possiamo massimizzare il nostro utile.

Esempio pratico di business plan per un centro estetico

Se ad esempio una estetista ha deciso di mettersi in proprio e di aprire una sua attività, sarà di grande utilità poter contare su un esempio specifico per un centro estetico nel quale siano già stati impostati tutti i calcoli da fare per la determinazione dei volumi di produzione e vendita dei servizi e la determinazione dei prezzi. In questo modo si eviteranno errori concettuali e, oltre a procedere nel modo corretto, lo si potrà fare in un tempo irrisorio rispetto a quello che sarebbe stato necessario impostando tutto il lavoro partendo da zero.

IL CALCOLO DELLE RIMANENZE NEL BUSINESS PLAN PER UN NEGOZIO DI ABBIGLIAMENTO

Un altro grosso vantaggio che abbiamo utilizzando un esempio di business plan già fatto e precaricato su un software, è quello che le quantità di merci acquistate e quelle vendute sono già state caricate, mese per mese e articolo per articolo per ogni possibile tipologia di negozio. In questo modo anche il calcolo delle rimanenze finali è automatizzato e viene anche calcolato automaticamente il valore sulla base del costo di acquisto. Lavorare su un esempio di business plan negozio di abbigliamento ci dà un grande aiuto sia in fase di pianificazione dell’attività che in fase di controllo di gestione. Se infatti, ogni mese aggiorneremo il nostro piano aziendale sostituendo le quantità vendute previste con quelle a consuntivo, alla fine di ogni mese e di ogni anno avremo già il calcolo delle rimanenze finali per unità e valore senza dover fare l’inventario perdendo tempo e denaro.

COME SCEGLIERE L’ESEMPIO PRATICO DI BUSINESS PLAN GIUSTO

In quest’ultimo punto cercheremo di fornirvi i principali elementi da verificare per scegliere il modello corretto per fare un buon lavoro senza sprecare troppo tempo e denaro ed ottenere un risultato professionale e, al tempo stesso, che vi permetta di raggiungere obiettivi importanti quali: avviare un’attività nel modo corretto, avere a disposizione la liquidità sufficiente, ottenere un finanziamento bancario, presentare con successo una domanda di agevolazioni, trovare nuovi investitori e nuovi soci.

Ecco le 10 cose da controllare per riconoscere il modello giusto per voi:

  • Deve essere specifico per la vostra attività;
  • Deve essere caricato su un software e non in pdf o word in modo che si aggiorni ad ogni modifica;
  • Deve includere sia la parte numerica che quella descrittiva;
  • Ogni dato dell’intero lavoro deve essere liberamente modificabile;
  • Deve essere 100% italiano sia per la lingua utilizzata che per le normative fiscali e civilistiche;
  • Deve includere la possibilità di indicare la richiesta di uno o più finanziamenti;
  • Deve contenere la gestione delle agevolazioni a fondo perduto in conto impianti e esercizio;
  • Il documento di business plan deve importare automaticamente dati e tabelle dal budget;
  • Il documento di business plan deve contenere i consigli su come scrivere ogni singolo punto;
  • Deve creare uno o più scenari alternativi per la what-if analysis

Sicuramente non è facile trovare materiale così completo e gratis o quasi gratis ma noi lo abbiamo cercato per voi e abbiamo trovato tre aziende che realizzano modelli di business plan specifici per ogni attività e già caricati sui loro software. Dovrete solamente scegliere tra quelli che vi proponiamo qui sul sito di 1businessplan.

Comments (0)

No comment

Add a comment

You need to Login to add comments.

Close