Come creare il business plan per un'attività di produzione serramenti

Come creare il business plan per un’attività di produzione serramenti

Se hai intenzione di avviare un’attività di produzione di serramenti, conviene che ti documenti bene prima di lanciarti in questa nuova impresa.

Il settore dei serramenti è in costante crescita e non conosce crisi, tuttavia ciò può non bastare per far prosperare un’azienda. Prima di fare qualunque investimento, quindi, è importante conoscere le prospettive di guadagno e di crescita, nonché le spese di avviamento dell’attività.

Creare un business plan per un’attività di produzione di serramenti ti consente di conoscere e valutare bene tutti gli aspetti fondamentali per questo tipo di impresa. Così facendo, potrai decidere in maniera oculata se questa è l’attività che fa al caso tuo.

Business plan per attività di produzione serramenti: da dove iniziare?

Scopri con il nostro software come fare il business plan produzioni serramenti

Come per ogni attività, avviare un’impresa di produzione di serramenti comporta sia vantaggi che svantaggi. Per avere un’idea chiara di quali siano gli aspetti positivi e negativi di questo tipo di impresa, è importante ragionare non solo nel breve, ma anche nel lungo periodo.

Valuta quindi quali sono le opportunità che il mercato offre, nonché le prospettive di crescita dell’impresa, tenendo conto anche dei competitor di piccole o grosse dimensioni.  

Per far sì che la tua attività abbia successo, specialmente all’inizio, non metterti in competizione con i tuoi concorrenti, ma piuttosto prendi spunto da loro e cerca di trarne dei vantaggi.

Fai in modo di spiccare rispetto agli altri, offrendo dei servizi e dei prodotti davvero interessanti. Solo così riuscirai a farti conoscere e ad allargare la tua clientela.

Spese di avviamento

Una volta che hai ben chiara l’identità del tuo brand, potrai iniziare a creare il tuo business plan.

Sicuramente, quando si avvia un’attività di produzione di serramenti, si devono considerare le spese per il mutuo o l’affitto di un magazzino dove registrare e conservare i prodotti che vendi.

Sapere la cifra esatta da destinare a questo tipo di spesa, soprattutto considerando che si tratta di un costo mensile fisso, ti consente di avere un’idea chiara sul budget necessario. A ciò andranno aggiunte eventuali spese di ristrutturazione e adeguamento del locale.

Inoltre, vanno considerate anche le spese per l’energia elettrica, l’acqua, i sistemi di sicurezza, insieme agli espositori, i materiali di cancelleria, le stampanti, il registratore di cassa e tutti gli strumenti hardware e software che ti serviranno per vendere serramenti.

Risorse umane

All’elenco precedente si aggiungono anche le spese riguardanti le risorse umane: avrai sicuramente bisogno di qualcuno che accolga i clienti nel negozio, che risponda alle chiamate, che archivi i contatti, che gestisca il flusso di merce, che amministri gli aspetti fiscali e contabili del negozio, oltre che di qualcuno che si occupi del piano marketing dell’azienda.

Ogni singola persona che deciderai di assumere dovrà essere pagata con uno stipendio fisso, e avrà diritto ai contributi, tutte spese che vanno considerate e inserite all’interno del business plan.

Sarà necessario anche un bravo commercialista, per gestire la contabilità fiscale e gli adempimenti da assolvere ogni mese.

Organizzazione e gestione delle spese

Dato che le spese di avviamento sono tante, per sostenerle nel lungo periodo è importante organizzare e gestire bene sia le entrate che le uscite dell’attività.

Qualunque impresa, soprattutto i primi tempi, fa fatica a coprire le spese, ma se questa situazione si protrae a lungo, vi è il rischio di fallire ancor prima di aver cominciato.

Avere un business plan accurato ti consente di avviare un’attività di produzione di serramenti avendo già chiari in partenza sia le spese che i guadagni.

Inoltre, questo prospetto è di fondamentale importanza per poter ottenere finanziamenti bancari, contributi statali o agevolazioni fiscali quando apri la tua attività. In questi casi, conviene sempre chiedere consiglio al proprio commercialista, per conoscere a fondo la normativa di riferimento e individuare i finanziamenti giusti per coprire le spese iniziali.

Valuta una specializzazione

Chi possiede un’attività di produzione di serramenti deve, per forza di cose, scegliere quali prodotti commercializzare. Molte imprese offrono un ampio ventaglio di prodotti, mentre altre preferiscono specializzarsi nella lavorazione di determinati articoli.

Valuta quindi quale opzione è la più conveniente e redditizia per la tua attività, sia in termini di costi di produzione che di ricavi economici e di vantaggi in termini di ritorno d’immagine. Inserendo queste informazioni all’interno del tuo business plan, avrai uno schema chiaro e completo che ti aiuterà a prendere la decisione più giusta.

Iter burocratico

Quando si avvia un’attività di produzione di serramenti, bisogna considerare anche l’iter burocratico. Per iniziare, servirà una partita IVA e dovrai iscriverti al registro delle imprese. Poi, dovrai inviare al tuo comune di residenza la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), un’autocertificazione in cui dichiari che stai rispettando le normative in materia di igiene e sicurezza.

Inoltre, occorrerà anche l’autorizzazione per l’insegna, oltre al capitale iniziale da investire, che si aggira intorno ai 10.000 €.

Location

Il budget che hai a disposizione incide anche sulla scelta della location: con un budget basso, dovrai aprire il tuo negozio di serramenti in periferia, oppure sceglierne uno in centro, ma più piccolo.

Aprire un negozio in periferia potrà darti meno visibilità rispetto a uno in centro, ma avrai ampi spazi dove allestire ed esporre la merce. Viceversa, in centro avrai maggiore visibilità, ma gli spazi a tua disposizione saranno minori e probabilmente dovrai pagare un affitto più alto.

Marketing

Anche la pubblicità rientra nelle voci di spesa, così come l’acquisto di un dominio, se vuoi aprire un sito o un e-commerce. In questa voce rientra anche l’acquisto di spazi pubblicitari, sia fisici che digitali sui canali social, come Facebook o Instagram.  

Inoltre, avrai sicuramente bisogno di qualcuno che si occupi di questi aspetti, aiutandoti ad incrementare le vendite online e ad aumentare la tua brand awareness. Sia che tu decida di assumere qualcuno o di affidarti ad una web agency esterna, si tratta di aspetti da considerare e da inserire all’interno delle spese per l’attività.

 

Comments (0)

No comments at this moment

New comment

You are replying to a comment

Product added to wishlist
Product added to compare.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, leggi la cookie declaration. All'interno del sito trovi sempre i link a privacy policy e cookie. Cliccando sull'apposito tasto acconsenti all'uso dei cookie. I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente. La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso. Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine. Il suo consenso si applica ai seguenti siti web: www.1businessplan.it Necessario (4) I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie. I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.